home  

Guida alla Città

PARCO DELLA FAVORITA
Il Parco della Favorita: alla scoperta del 'polmone verde' di Palermo
Il Parco della Favorita: alla scoperta del 'polmone verde' di Palermo

Il Parco della Favorita con i suoi 400 ettari di estensione è una delle aree verdi cittadine più grandi d’Europa. Un tesoro molto amato e frequentato dagli abitanti di Palermo

Il Parco della Favorita o Real tenuta della Favorita è l'area verde più estesa del comune di Palermo, ma in realtà rappresenta anche uno dei parchi più grandi d'Europa. Il parco si estende dalla Piana dei Colli fino al vecchio pantano di Mondello per un'estensione totale di 400 ettari.

All'interno si trovano molte costruzioni di grande interesse storico ma anche funzionali per la vita di Palermo: la Palazzina Cinese, le Ex Scuderie Reali, l'Ippodromo, lo stadio Renzo Barbera, lo Stadio delle Palme, una struttura dedicata alle competizioni equestri, la piscina comunale, campi da tennis, il campo da golf a 3 buche di Villa Airoldi.

 

Nato nel 1799, per volere di Ferdinando III di Borbone, che voleva riprodurre le bellezze della reggia di Portici, il Reale Parco della Favorita era un parco dove stare al fresco durante le afose giornate estive ma anche un luogo per esperimenti agricoli con grandi coltivazioni di agrumi, olivi, frassini, noci e sommacco, e una riserva di caccia.

L’ingresso principale è a Piazza Leoni e si estende dalle falde del Monte Pellegrino alla contrada Pallavicino. Due lunghi viali intitolati alle figure di Ercole e Diana attraversano parallelamente il parco; destinati originariamente al passeggio, sono oggi delle arterie di comunicazione molto frequentate perché collegano la città con la nota località balneare di Mondello. Il Viale d’Ercole termina con una fontana ottocentesca in stile neoclassico con al centro una statua del mitico eroe recentemente restaurata. I due viali sono intersecati perpendicolarmente dal viale Pomona, dedicato alla dea della frutta e dei giardini.

Dal 1995 il parco della Favorita, insieme a Monte Pellegrino, è divenuto una riserva naturale orientata e sono stati svolti molti lavori di ristrutturazione.